Leggere non è peccato continua. Le nostre menzioni speciali

 

Il gioco Leggere non è peccato è terminato.

Abbiamo scomodato tre giudici per essere nel pieno di un regolamento da “vero gioco”, poi abbiamo indetto votazioni popolari, ed ora i giochi sono fatti. Tre vincitori, tanti complimenti a tutti, e si potrebbe pensare che sia finita qui.

Il concorso sì, le premiazioni anche. Ma in realtà non finisce qui. Continua a leggere “Leggere non è peccato continua. Le nostre menzioni speciali”

Leggere non è peccato the winner is …

Siete partiti in tanti, ben 44.

Tutti corazzati di doti indispensabili:

  • la voglia di mettersi in gioco,
  • il desiderio di usare l’estate per un nobile motivo,
  • prendere parte ad un nuovo modo di veicolare messaggi propositivi, riguardanti la lettura.

Eccoci dopo due settimane di voto (la prima sotto l’occhio attento dei tre giudici espressamente scelti come super partes, la seconda alla mercè di chiunque avesse piacere di unirsi alla platea popolare) a incoronare i tre vincitori. Continua a leggere “Leggere non è peccato the winner is …”

Leggere non è peccato: i finalisti (che hanno morso la mela del peccato).

14264926_10208662215811091_8148095799251083505_n.jpg

Alle griglie di partenza eravamo io e Silvia a ideare un gioco libroso per l’estate,  incerte potesse avere successo.

Dopo poco tempo le partecipazioni, merito della rete, si sono moltiplicate fino a raggiungere la considerevole cifra di 44 concorrenti. Continua a leggere “Leggere non è peccato: i finalisti (che hanno morso la mela del peccato).”

I miei tre modi di intendere il peccato

Quello che e' peccato.png

Visto che il concorso “Leggere non è peccato” sta riscuotendo un successo insperato, smuovendo interventi e prese di posizione sull’argomento  davvero interessanti e la cosa non potrebbe rendere me e Silvia più felici, anche noi a modo nostro partecipiamo con due post fuori concorso.

Ovviamente essendo entrambe due teste pensanti, e non aggiungo colorati aggettivi a supporto rubandoli ai nostri mariti invece forbiti in materia, ogni post vi risulterà rigorosamente diverso.

Io ho deciso di occuparmi del lato peccaminoso

Continua a leggere “I miei tre modi di intendere il peccato”

Pensieri e svolazzi su Leggere non è peccato

pensieroQuesto post è per voi. 

Voi che avete letto il nostro gioco-meme, che lo avete apprezzato, capito e fatto vostro.

Grazie. 

Grazie perché concordare sullo stesso concetto spesso non è facile. Abbiamo tutti la nostra idea filo-politica, filo-culturale, conduciamo vite parallele dove rischiamo spesso di apparire Dottor Jekyll e Mr Hyde, mentre crediamo di essere in realtà lineari. Abbiamo gusti diversi su cibo, religione, aspetto fisico, amori, ideali…

Però una cosa ci lega. 

L’amore per la lettura. 

Continua a leggere “Pensieri e svolazzi su Leggere non è peccato”

“Leggere non è peccato – le regole del gioco”

13820830_10208285472032732_99957720_n (1).png

Vedo occhi sbirciare.

Scommetto che sei stato sul blog di Silvia ed una curiosità improvvisa si è impadronita di te! Se così non è devi assolutamente farci un giretto, perché la posta in palio è davvero grossa.

Il fatto è che io e Silvia, abbiamo escogitato una di quelle bombe estive (speriamo), di cui ti voglio parlare, e la cosa è nata più o meno così:

< Ciao Silvia, hai tempo?>

< Sì, dimmi. Un attimo che mio figlio mi chiama. Eccomi ci sono.>

< Pensavo, anche il mio mi chiama, aspetta….ecco dicevo che ho avuto un flash!>

< Dimmi, dimmi sono curiosa.>

< E se facessimo uscire un virus per far ammalare tutti di mania librosa? Ma dobbiamo essere originali.>

< Spiega, spiega…>

E nasce così l’idea di creare un gioco a cui far partecipare il maggior numero di persone per renderlo il tormentone più libroso dell’estate. Continua a leggere ““Leggere non è peccato – le regole del gioco””