Family sitcom23

pablo.png
Oggi, caschi il mondo, vado a camminare.
Avete presente le ultime parole famose? Ecco, uguale.
Sensi di colpa a parte per non darmi abbastanza da fare per la prova costume, per aver gradito troppo gli ultimi pranzetti in famiglia e continuare ad amare follemente il cioccolato, è forse tutta colpa della primavera ma sento forte il desiderio di uscire e riprendere quello che un tempo era il mio passatempo preferito. Camminare.
Certo attrezzata si intende. Mp3, felpa, cellulare, scarpe comode, e un timido sole. Continua a leggere “Family sitcom23”

Family Sitcom 22

pablo.png

Tra i miei vizi da casalinga quello di stirare non è proprio al primo posto perchè, diciamolo in tutta tranquillità, non è poi tanto divertente. Ore interminabili a vaporizzare, piegare, eliminare pieghe, girare, capovolgere, bruciarsi… Eppure c’è chi lo fa per lavoro e chi lo salta a piè pari, insomma è un mestiere con odi et amo di ogni livello.
Ma visto che proprio non ce la faccio ad andare in giro indossando cose solo piegate, mi domando se la colpa sia da imputare a quando ho imparato stirando i fazzoletti con il ferro scaldato sulla stufa, e di averlo ormai nel dna. Continua a leggere “Family Sitcom 22”

Family sitcom 21

pablo.png
Ai tempi di mio padre andare a scuola voleva dire portarsi un ciocco di legna per scaldare le ore e non il banco. Tutti insieme gli scolari nutrivano la stufa, respirando quel calore senza battere troppo i denti. Si stava in una classe mista a seguire le lezioni dei più grandi imparando prima cose difficili per poi rincominciare da quelle di base. Ma lui è andato a scuola una vita fa, in un piccolo paesino di montagna e forse davvero a oggi appare come pura assurdità.

A quelli di mia madre, non troppo distanti da quelli di mio padre, invece era normale prendersi due colpetti sulle mani nel caso la sbavatura sul foglio fosse stata frutto di gesti maldestri e frettolosi, perché la calligrafia era più che importante! Come presentarsi con le trecce ben strette, le unghie pulite, i compiti fatti. Altrimenti il rischio di indossare le orecchie d’asino c’era eccome, come quello di finire dietro alla lavagna per sghignazzi non consentiti.
Poi sono arrivati i miei tempi. Continua a leggere “Family sitcom 21”

Family sitcom 19

pablo.png

Lampeggia lo schermo del telefono. E’ arrivato un messaggio.
Chi li manda più i messaggi, vecchi sms? Giusto la compagnia telefonica, di solito per ingolosirmi di proposte che sono talmente tanto tagliate e cucite addosso da finire, senza passare dal via, direttamente nel cestino. Continua a leggere “Family sitcom 19”

Family sitcom 17

pablo.png

Solita routine, accendo il pc e aspetto si connetta. Uno sguardo alle notifiche, apertura del blog per rispondere ai commenti, giretto su twitter di perlustrazione, un’occhiata alla posta elettronica, con regolare pulizia dello spam che tra le cose che più odio è sempre lì in attesa. Non lo considero nemmeno, leggo solo da chi arriva e con una flag veloce la posiziono là dove è corretto stia, nel cestino. Solo che una mail mi salta agli occhi e soprattutto il mittente da cui proviene: noreply@istruzione.it. Mi si gela per un istante il sangue. Oh mamma! Continua a leggere “Family sitcom 17”

Family sitcom 16

pablo (1).png

Esiste un giorno infrasettimanale in cui cambia tutto. E’ il giorno in cui lui, il mio compagno, ha il suo pomeriggio di riposo. Solo che riposo non è. La colpa è sua che non sa stare con le mani in mano e deve fare e disfare il mondo in un giorno o poco più. Quindi mi sale già l’ansia: come faremo a uscirne interi da questo pomeriggio, noi e la nostra routine? Continua a leggere “Family sitcom 16”

Family Sitcom 14

pablo.png

Sabato. Un sabato come un altro.
Mentre penso “che bello niente scuola, niente alzati, lavati, vestiti, vi accompagno al pulmino” mi arriva un bacio pizzicato e torno al suolo della realtà.

R- Sveglia, lo sai che hanno atletica oggi, vero? Il caffè è pronto, io vado a lavorare. Ci sentiamo più tardi. Buona giornata.
Non faccio nemmeno in tempo a capire, che le parole cominciano a trovare il loro ordine in testa, mentre mi scontro con la barba sottile e pungente che nemmeno stamattina si è fatto. E’ sabato.
Apro gli occhi. Uffa anche al sabato. Alzati, armati di pazienza. Pronta che si inizia? Continua a leggere “Family Sitcom 14”