Family sit com 5

pablo.png

Mancava oltre un mese a Natale quando iniziavo ad addobbare casa. Anni fa. La scusa erano loro, i bimbi da tenere impegnati. Allora ritaglia, colora, crea. Poi niente, la fregatura è che loro crescono e io invecchio. La scusa non me la danno più e si scopre che quella che amava la confusione degli addobbi in casa ero io, ma amava è un tempo al passato, quest’anno infatti…

M- Mamma ma… niente albero quest’anno?
N- Avresti voglia di farlo?
M- Sì, la casa senza le luci di Natale sembra sempre la stessa, altrimenti.
Quasi mi tirerei indietro. L’imperativo della casa addobbata, l’albero, il presepe, il fuori porta allegro, i regali pronti, il berrettino rosso da Babbo, il frigo pieno, il menù per il cenone… mi spaventa e vorrei tanto il piano b. Quello con scritto uscita d’emergenza.

P- Anche io voglio farlo, posso?
M- Bell’albero verrebbe fuori, tutto storto e pieno solo davanti, sì sì proprio uno sgorbio.
P- Il tuo invece sarebbe perfetto vero?
N- Direi che possiamo fare una cosa. Due alberi, vi dividete le decorazioni e vediamo cosa ne esce fuori.
P e M- Ma…(…)
M- Nessun premio (fregati sul tempo) solo opinioni su come sono venuti. Ok?

Il passaggio tra gli scatoloni è quello di un percorso a ostacoli a gimcana. Ogni tanto sento un crac che non lascia presumere niente di buono. Forse diminuiranno gli addobbi. Mettiamolo in conto.
M- Ma questa schifezza che cos’è?
N- Ah quello, un fiore credo, che hai fatto quando andavi all’asilo.
M- Io?
N- Guarda dietro ci dovrebbe essere il tuo nome.
M- Oh mamma, ma che brutto!
N- Non è vero, eri piccola, ha il suo valore per me.
P- Mamma, mamma guarda.
M- Noo…
Il fiore, fu. Ora giace in terra diviso nei suoi petali. Meno uno.
M- Cattivo, era il mio.
P- Scusa. Ti ho solo toccato il braccio!Sei fatta di pastafrolla.
N- Mi sa che non lo recuperiamo più. (Ma non dicevi che era orribile?) Mi spiace. Però ne puoi sempre fare un altro ancora più bello e ti verrà fuori un capolavoro.
M- Va bhè ho altre cose da mettere.

Almeno un paio d’ore saranno impegnati mentre io avrò il tempo di sistemare il resto e creare lo spazio ai nuovi allestimenti. Casa natalizia fino alla fine delle feste. A pochi giorni dalla grande x rossa sul calendario vorrei infilarmi sotto ad una calda coperta osservare il mondo senza partecipare e rimandare tutto a dopo. Il famoso piano b. Ma niente ormai ci sono dentro.

Quella lancetta corre e siamo tutti e tre impegnatissimi a tirare fuori lo spirito natalizio per rendere la casa una succursale del negozio più attrezzato della zona. Potremmo rivendere quello che resta nelle scatole e riempire uno scaffale. Accidenti quanta roba abbiamo accumulato nel tempo.

M- Quale ti piace di più ora che sono finiti?
N- (Sento odore di fregatura, come faccio a uscirne fuori?) Direi che il concorso per l’albero più bello non lo vince nessuno dei due, ma facciamo scegliere a papà quale mettere in cucina e quale in camera vostra.
Sembra che un alieno sia atterrato su questo pianeta e abbia lanciato a casaccio palline ed oggetti incastrandoli tra i rami sintetici senza un ordine apparente. Un vero colpo al cuore. Ma forse è il casino, il vero senso del Natale. Non la perfezione.
E in casa nostra al momento è moltissimo Natale. Le scatole vuote, i residui delle ghirlande, un pavimento a chiedere vendetta, come quella punta tutta storta che segue l’andamento a torre di Pisa dell’intero albero. In effetti il mio presepe ultra moderno in tutto questo ha il suo perché. Farlo nella sabbia dentro ad un vaso in vetro con il vedo e non vedo che costringe a sbirciare da sopra l’intimità della sacra famiglia è stata un’ideona. Scopiazzata in giro, ma sempre un’ideona. Mi piace.

R- Oddio no! Di nuovo anche quest’anno! Nooo.
N- (Rido come una matta. Se c’è uno spirito contrario al Natale eccolo in carne ed ossa tra noi.) Ma come, non vedi che questa è la succursale di Santa Claus? Parte da qui il nonnino e ci lascia gli elfi in dotazione.
R- Bene agli elfi chiedi che vadano a lavorare al posto mio, fa un freddo e c’è un traffico… E che mi sveglino a feste concluse. Vado in letargo. Prometti solo di non mettere canzoncine di sottofondo.
N- Quale Jingle bells o A Natale puoi?
R- Tutta quella roba lì. Lasciami solo il panettone che del resto ne faccio a meno.
N- Come sei antipatico, pensa che ti tocca fare da giudice tra i due alberi.
R- Allora vediamo se indovino. Qui c’è la tua mano e anche se non mi piace tanto un sette… questo è il suo e pende come me dopo otto rampe di scale e l’altro è …
N- (sono davvero curiosa di vedere come se la cava ora)
R- … ci devo mettere le mani io in tutti e due, guarda come manca di simmetria qui e qui. No, no un quattro per l’impegno. Forza al lavoro truppa!

Ecco ora sì che siamo al completo. No, manca il vin brulè, pieno di cannella a profumare tutta la casa. Per lo meno lo spirito del Natale lo ha contagiato e i bambini tra un misto di borbottii e risate faranno due volte l’albero.

Sì da noi funziona un po’ così.

Ah Buon Natale eh?!

pablo (1).png

10 pensieri su “Family sit com 5

  1. Guarda, beata te! Io l’albero me lo devo fare tutto da sola, che non c’è un cane a dare una mano. Nonostante, a conti fatti, sono quella che ha più ore di lavoro e meno ferie. Ci metto un giorno, tra pre-pulizia e spostamento mobili, vaso con sabbia (svuota, infila l’albero, riempi), luci, nastri e addobbi vari (gran parte homemade, di persone che non ci sono più, è un albero-ricordo il nostro) e post-pulizia. Alla fine non avanza mai tempo per il presepe (tutto esteso sarebbe circa 1,5 mt per 0,7), e mi sono attrezzata con quello in ceramica già pronto. Arrivo sfinita a Natale, con lo spirito natalizio sotto le scarpe. E si chiedono pure perchè!!

    Liked by 1 persona

    1. Corri corri che i negozi fanno orari non stop e poi nella tua lista ci sono certe chicche da realizzare… guardatene bene da farti degli amici poi, ma magari per sfoltire la lista giusto bene!
      Ma anche secondo te quest’anno è arrivato in anticipo? Perché ho dubbi di aver girato troppo in fretta le pagine del calendario…

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...