Progetti, sogni e…

pablo.png

Di solito, finito di correre per il regalo giusto da mettere sotto l’albero, scrivere tutti i biglietti d’auguri, fare le mille telefonate di rito con a te e famiglia in finale di conversazione, alzarsi dal tavolo con la pancia di due taglie più abbondante del vestiario indossato, maledire le feste come se obbligassero a fare cose sbagliate solo per il nome che portano, uscire dal negozio con il cambio fatto appena in tempo prima che chiudesse, e svincolare dal a capodanno cosa si fa?… Siamo a pensare e ora per il nuovo anno mi fermo o continuo a correre? Continua a leggere “Progetti, sogni e…”

Spuntino lettura

pablo.png

Invece della solita intervista, oggi vi svelo una piccola-grande bellissima novità.

Un altro mio racconto è stato selezionato per entrare nell’antologia Sognando creata da Sognatori Erranti  il cui ricavato sarà interamente devoluto alla PROTEZIONE CIVILE con la causale TERREMOTO DEL LAZIO. Continua a leggere “Spuntino lettura”

Family sit com 6

pablo-1

L’inverno è giornate fredde, corte e buie. Appena si avvicina il tramonto incombe la notte e penso subito alla cena. Pentola sul fuoco con minestrone in cottura, forno acceso per il dolce alle mele e il riscaldamento in funzione per non congelare anche in casa. Per fortuna abbiamo un funzionalissimo camino. Poi però all’improvviso manca la luce. Continua a leggere “Family sit com 6”

I miei auguri di Buon Natale

 

large.gif

Oggi è la vigilia.

Per chi crede, per chi non crede, per chi spera, ma sempre il 24 di dicembre è. C’è chi corre a fare la spesa, a comprare le ultime immancabili “pezze” da regalo, chi a preparare per il cenone. Lo so il mondo corre come un disperato.

Poi c’è chi è seduto fermo con gli occhi oltre questa giornata a domandarsi se ancora un senso lo ha. Se il regalo non si è mangiato tutto e il festeggiare ad ogni costo ha ancora ragione di esistere.

E alla fine ci sono io, che vorrei sommergervi di parole, di sorrisi e di quello che di più vi manca. Perché sono fatta così.  A voi, a tutti voi che mi seguite, voglio spedire da lontano il mio bacio virtuale perché davvero il 2017 sia migliore. Sia quel pacco che una volta scartato faccia ancora emozionare e regali il battito forte di un cuore innamorato della vita. Continua a leggere “I miei auguri di Buon Natale”

Magie di Natale

pablo.png

– Pallina rossa o blu?
– Rossa fa Natale, ma è già vista e rivista che ne dici di argento o oro?
– In effetti…

Era uscita con le migliori intenzioni per trascorrere piacevoli ore in compagnia, ma l’angoscia continuava a salirle in gola rendendo ogni passo uno strazio. Anche l’atmosfera dei negozi non le dava sollievo. L’aria era carica di quel sapore dolce e prefabbricato degli addobbi, che le sembravano oltremodo finti. Era proprio necessario festeggiarlo il Natale? Ed era scontato che tutti avessero il viso piegato in quella smorfia di felicità? Continua a leggere “Magie di Natale”

Consigli natalizi “Buckkosi”

15267811_10209384971239525_7401923038224365789_n

Ho guardato il calendario e scoperto che manca proprio poco al Natale. Insomma poco per non avere fretta di ultimare gli ultimi acquisti, ma ancora il tempo c’è. Così ho pensato di svelarvi un po’ delle ultime conversazioni che dilagano in questi giorni. Chissà magari vi può essere utile. Continua a leggere “Consigli natalizi “Buckkosi””

Family sit com 5

pablo.png

Mancava oltre un mese a Natale quando iniziavo ad addobbare casa. Anni fa. La scusa erano loro, i bimbi da tenere impegnati. Allora ritaglia, colora, crea. Poi niente, la fregatura è che loro crescono e io invecchio. La scusa non me la danno più e si scopre che quella che amava la confusione degli addobbi in casa ero io, ma amava è un tempo al passato, quest’anno infatti… Continua a leggere “Family sit com 5”

pablo (1).png

Ho espressamente chiesto all’autrice l’onore di questa intervista, onore vero, perché dopo aver letto il suo libro sono rimasta talmente soddisfatta e sbalordita da non potermi trattenere. Sapete tutti quanto io sia curiosa, quindi immaginate bene la molla dopo un libro del genere.
Se alla fine del testo non avesse citato, non tanto la sua laurea in Lettere e Filosofia, quanto l’ottima preparazione in antroposofia, avrei pensato ad una bella opera di fantasia, invece ho dovuto ricredermi. Ma andiamo per gradi.

Si tratta di un romanzo che rientra tranquillamente tra i gialli o meglio tra i noir sovrannaturali. Abbiamo un omicidio, un colpevole, uno scenario a tratti inquietante, misteri che si intrecciano e si svelano capitolo dopo capitolo e personaggi pieni di segreti.

Eccoci a “Bagliori nel buio” e all’intervista con la sua autrice Maria Teresa Steri. Continua a leggere

Family sit com 4

musica.png

Ore 17.15 il tempo di una merenda al volo con riassunto micro-ridotto della giornata scolastica e vedo solo le ombre dei miei figli dileguarsi verso la loro camera. Briciole e zaini disseminati come in un campo zingari tra cui destreggiarmi mentre invoco la Dea Kalì e tutte le sue braccia in soccorso. E’ passato il tornado. Ma quanta energia hanno? Continua a leggere “Family sit com 4”

Reportage dal mio luogo del cuore

Torcia, telefono, macchina fotografica, batteria di riserva, cambio, viveri, guanti, chiavi, stivali.
Vestiamoci pesante, fa freddo. Pronta a partire. Ho fatto tutto? Salutato i bambini? Detto che torno? Ci hanno creduto? Ci credo io?
Ho spolverato. Sveglia alle 5 con turbine dentro. Ogni cosa al suo posto. Albeggia. Caffè preso, zaini pronti, micropile indossato, thermos pieno. Speriamo ci sia il sole. Calmati mi dice lui che sente la mia inquietudine, non sei sola. No ma dentro  sprofondo da sola. Grazie per esserci sempre. 
Chiudo la porta e iniziamo la giornata. Si macinano chilometri, per strada si incontra tutti, anche papà che in auto vorrebbe fumare. No, ti prego odio quel vizio.
Picchi di montagne ci osservano. Siamo una carovana. Un cielo terso e gelido ci attende. Blocco, lascia passare. Vorrei vedere tutto da lontano, sentirmelo raccontare invece assaggio lo schiaffo di aria di dicembre. No, è il 30 di novembre. Fa freddo uguale, il terreno ghiaccia o è brina: scricchiola, soffre, è il suo lamento. Piaggia ci aspetta, illuminata dal sole, bella nella sua estrema semplicità. Arriviamo. Continua a leggere “Reportage dal mio luogo del cuore”