Fertility day realistico

In risposta al fertility dayun po' di sano realismo..png

Ogni tanto il mondo tira fuori una delle sue idee bislacche e ne fa veicolo di informazione. E’ così che si sono riempiti interi volumi di false direzioni da prendere e false certezze da seguire.

Per quanto riguarda il discorso figli-genitori interi volumi da enciclopedia.

Sì, perché ci sono regole, idee, linee rette e parallele che portano ovunque, tipo da A a B e poi si fermano lì inconsapevoli del resto dell’alfabeto. 

Quando ero in attesa della mia prima figlia ho perso gli occhi dietro a paginate di consigli in guide pronte all’uso, riempiendomi di “quello che necessita sapere da qui ai prossimi vent’anni, per crescere  bene il vostro figlio”. Convinta sarei stata una mamma impeccabile. Peccato nel frattempo tutto sia cambiato e…

Martina ha 10 anni, Filippo tra pochi mesi 9.

Io ed il loro papà la pensiamo così ripercorrendo a ritroso quei periodi, perché riassumere un anno in poche righe non è facile…

NASCITA:

IO: Che male terribile, perché fa tutto sto male? Perché in Francia usano punture miracolose e qui mi cuciono senza anestesia?

LUI: E’ la cosa più incredibile mai vista. Posso dire che abbiamo la bambina più bella del mondo, sono felice.

1 ANNO:

IO: Dormi, ti prego dormi, sono stanca. Ho le ragadi al seno, mi sento uno zombie, ho solo voglia di piangere e vorrei spegnere il cervello per una settimana. Dormi almeno un po’.

LUI: Mettila nel lettone e attaccala al seno così riesco a prendere sonno, vuol giocare notte e giorno, io tra qualche ora mi devo alzare per andare a lavorare. HO SONNO!

2 ANNI:

IO:  Come cresci in fretta, cammini già, sei un terremoto. Peccato solo mi senta a pezzi e sto pancione mi faccia rotolare più che camminare.

LUI: Speriamo che questo in arrivo sia dormiglione o tiro la testa nel muro, non si può mica fare sta vita! Ma un attimo di pace mai?

3 ANNI:

IO: Martina fai piano che il fratellino dorme, vieni che giochiamo, no non urlare, ti prego…ecco l’hai svegliato.

LUI: Ma questa non è una casa è un casino, meglio al lavoro! Non si dorme, non si tromba, non si esce. E che c@@@o!

4 ANNI: 

IO:Vedrai amore ti piacerà tanto l’asilo, ci sono altri bimbi con cui giocare. Poi la mamma finalmente avrà qualche ora di relax e al tuo ritorno sarà pronta a scalare le montagne.

LUI:Sono volati gli anni, ma li vedi come sono grandi ormai? Ne facciamo un altro?

5 ANNI:

IO: Che brava Martina, come aiuti bene la mamma…ora vai a lavare le mani che pulisco la cucina, i mobili, il pavimento e poi mettiamo la torta a cuocere, prima che arrivi papà. Filippo ora arrivo ho sentito che hai prodotto profumato.

LUI:Che hai fatto di buono stasera? Cosa avete fatto di bello oggi? Bella la vita eh a non lavorare, anche io se rinasco scelgo di essere donna. Ne facciamo un altro?

6 ANNI:

IO: Inizia la scuola, è fantastico, ti piacerà tantissimo, potrai imparare a leggere e a scrivere. Ti farai tanti amici, insegnerai a tuo fratello un mucchio di cose. Venite andiamo che suona la campanella.

LUI: Ma quanto costano la mensa ed il pulmino? Ma non era scuola dell’obbligo? Ma come facciamo con solo uno stipendio, lo sa lo stato che mangiano tutti i giorni questi due?

7-8-9-10

IO: No amore, non è un negozio di giocattoli Babbo Natale e non può portarvi tutto quello che vedete. No, non ci possiamo permettere Sky, no non riusciamo … no, non arrabbiatevi non si può…vi piace la pizza ho fatto la pizza stasera.

LUI: Vent’anni di questa vita mi tocca, una mezza galera. Sempre insoddisfatti a chiedere oggi il tablet, ieri il giochino elettronico e poi hai sentito come rispondono? Ma cosa abbiamo sbagliato? Schiene dritte senza voglia di fare niente, solo pretese. Io me la spacco la schiena e non basta mai. Vent’anni…

Più o meno riassumendo direi due cose, sulla scia di cosa mi spiegava il pediatra alla prima visita:

  • Bambini piccoli, problemi piccoli. Bambini grandi problemi grandi. Buona fortuna.
  • Per quanto ti prepari, la vita vuole sorprenderti. Dietro una gioia un dolore, dietro un dolore una gioia. C’è da imparare a viaggiare come gli inglesi, impermeabile ed ombrello. Tanto piove sempre…

Io li amo i miei figli, ma … ecco … ho un’amica che ha fatto salti mortali per avere la sua, problemi di fertilità, ora è grandina, come il mio… e  vorrebbe bissare … la guardo e le dico? Cos’é sei masochista? Ridiamo … ci capiamo … non è solo bello avere figli, ma un lavoro a tempo pieno che non garantisce risultato, ma bruciori di stomaco sì, eccome!!!!

Ps:

Ovviamente ho voluto sottolineare aspetti che non sono quelli da pubblicizzare, per intenderci non sono politicamente corretti, ma reali, molto reali, perché la vita da favole esiste solo nei libri illustrati!

9 pensieri su “Fertility day realistico

  1. “Ne facciamo un altro?” è il top del racconto! 😛
    Questa campagna è una vergogna sotto tutti i punti di vista. Lasciando perdere il calpestare il ruolo della donna, la mancanza di lavoro, di soldi, di case, di affitti e poi di asili, il licenziare in bianco quando assumi una giovane, la scuola pubblica che tra un po’ campa sul volontariato dei genitori, eccetera eccetera… ma prendiamo il problema dell’infertilità: cosa fa l’Italia? ZERO.
    La legge 40 su cui si fondano le tecniche di procreazione assistita (che non sono solo per le “vecchie”, ma anche per le giovani con problemi di salute, pensate a chi ha avuto un tumore all’ovaio per dire) è incostituzionale rispetto al resto d’Europa. Conosco coppie che si sono trasferite all’estero per avere un figlio. E che se lo potevano permettere!!
    In Italia invece, nella sanità pubblica, chi è infertile è curato di meno di un diabetico leggero. Ma le stesse identiche equipe mediche degli ospedali pubblici ti aspettano nella loro scintillante clinica privata pochi chilometri più in là. Cambia solo il prezzo ovviamente. All’estero costa di meno e da maggiori probabilità di successo. E chi dovrebbe intervenire su questo è sempre il Ministero della Salute. Ipocrisia allo stato puro.

    Liked by 1 persona

    1. Io ho perso il lavoro il momento stesso in cui ho deciso di continuare la gravidanza, il contratto era a termine e la decisione stava a me. Roba italiana, ma di normalissima routine.
      La mia amica ha tentato diverse inseminazioni all’estero, tutte andate a vuoto, superato lo shock fisico, mentale ed economico ha messo via il desiderio di maternità, per fortuna però l’unico missile del marito ha funzionato ed ora è mamma.
      Un’altra ha tenuto la bimba nonostante il padre se la fosse filata e solo grazie ai genitori ha potuto tirarla su degnamente.
      Non credo ci sia un solo caso uguale all’altro. La cosa che mi fa rabbia è che i professionisti che hanno speso soldi pubblici per questa orribile pubblicità come pure chi l’ha realizzata, non deve aver nemmeno lontanamente sentito parlare di queste cose. E’ vergognoso che nel 2016 non si sappia dare dignità ad una cosa importante come un figlio.
      Comunque, per stemperare, è tutto vero quello che ho scritto. Ho accanto un gran bel pezzo d’esemplare maschile. Bello soprattutto, ma come gli dico sempre con in testa tanti petardi ed è sempre capodanno!!!! 😳

      Mi piace

  2. immagino la tua risposta al “Ne facciamo un altro?”.
    Basterebbe questa per chiudere quel discorso bislacco che la bionda Lorenzin ha messo in piedi.
    Per fortuna la nostra unica figlia non ha creato tutti questi problemi. Dormiva e mangiava con la regolarità di cronometro svizzero.
    La pediatra ha detto bene. L’esperienza insegna qualcosa.

    Liked by 1 persona

    1. ahhhh che invidia….ho dormito dopo il terzo anno!!!! Che ricordi…però passa tutto lo ammetto, e si scorda, se non fosse che questa campagna mi ha voluto far mettere il dito sugli aspetti meno piacevoli. Comunque il mio no era molto trasparente allora e non troppo tra le righe

      Liked by 1 persona

  3. Pingback: Family sit com – svolazzi e scritture

  4. Pingback: Family sit com – svolazzi e scritture

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...